///“Il Design è un muscolo fuori dal controllo” secondo Arik Levy

“Il Design è un muscolo fuori dal controllo” secondo Arik Levy

2017-07-03T08:13:27+00:0026/06/2017 |

Designer, tecnico, artista, fotografo e regista, le abilità di Levy sono multidisciplinari e il suo lavoro viene esibito in prestigiose gallerie e musei di tutto il mondo. È conosciuto soprattutto per il suo design di pezzi d’arredamento per imprese globali, installazioni e edizioni limitate. Levy sente che “il mondo è fatto di persone, non di tavoli e sedie”.

Originario di Israele, si trasferisce in Europa nel 1988 e attualmente lavora a Parigi con il suo team di 20 designer e artisti grafici. Nel corso dei suoi vari anni di collaborazione con Vibia ha progettato le collezioni Curtain, Fold, North, Rhythm, Sparks e Wireflow.

 

Arik-Levy_Cabecera_734x464

 

Sei “un designer nato a Tel Aviv che vive a Parigi”. Come hanno influito queste due città sul tuo modo di essere e di lavorare?

Le città influiscono molto sulla nostra vita quotidiana, ma l’identità culturale è quella che definisce il nostro modo di essere e i codici sociali. Tel Aviv è sopravvivenza pura e devi essere creativo per sopravvivere e rinascere in qualsiasi momento. La sua crudezza e le sue idee franche, accanto alla bellezza della semplicità, creano una giustapposizione di poesia industriale.

 

Qual è l’oggetto che hai sempre con te a cui non potresti rinunciare?

Le scarpe.

 

L’angolo della casa che ami di più?

Non mi piacciono gli angoli, e, d’altra parte, la casa la vedo diversamente: per me è un luogo con molte porte che si aprono in diversi momenti. Sono porte che si aprono all’amore, alla famiglia o alle esperienze spirituali.

 

Sappiamo che il surf è una delle tue più grandi passioni. Qual è un luogo imperdibile per un vero amante del surf?

Non si tratta di amare il surf, ma di essere un surfista. Ciò che un surfista desidera di più, in qualunque posto si trovi, è un’onda leggera che gli dia il buongiorno.

 

Cosa ti spaventa?

La stupidità e l’ignoranza.

 

Che cosa fai quando vuoi toglierti uno sfizio?

Lavoro e faccio surf.

 

Una meta turistica che ti attira.

Il cuore di mia moglie.

 

Il tuo indumento preferito.

La biancheria intima.

 

Il tuo ricordo più vivido e commovente.

La vita.

 

Il pezzo di design più iconico.

La ruota.